counter create hit P101. Quando l'Italia inventò il personal computer - Download Free eBook
Ads Banner
Hot Best Seller

P101. Quando l'Italia inventò il personal computer

Availability: Ready to download

Nel 1964 Pier Giorgio Perotto e i suoi collaboratori progettarono e realizzarono la Programma 101, il primo personal compu- ter al mondo. Un calcolatore pensato per tutti, che prevedeva un rapporto diretto, personale, tra l’utente e la macchina, o, per dirla in termini più ideali, tra l’uomo e la tecnologia. Questo computer da scrivania prodotto a Ivrea fu usato dalla NASA Nel 1964 Pier Giorgio Perotto e i suoi collaboratori progettarono e realizzarono la Programma 101, il primo personal compu- ter al mondo. Un calcolatore pensato per tutti, che prevedeva un rapporto diretto, personale, tra l’utente e la macchina, o, per dirla in termini più ideali, tra l’uomo e la tecnologia. Questo computer da scrivania prodotto a Ivrea fu usato dalla NASA per la missione Apollo 11, dimostrando nei fatti che progettare a misura d’uomo è ciò che permette all’umanità di giungere a mete prima ritenute inarrivabili.P101 è quindi il racconto di un successo italiano, la storia di un gruppo di uomini che inseguirono il futuro e, in qualche modo, un’idea di libertà.Pier Giorgio Perotto (1930-2002) è l’inventore della Programma 101. Tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta fu a capo della Ricerca e Sviluppo Olivetti e proseguì poi la sua attività dirigendo grandi aziende come Elea e dando vita, da imprenditore, a importanti società di ricerca, innovazione e consulenza, tra cui Finsa.


Compare
Ads Banner

Nel 1964 Pier Giorgio Perotto e i suoi collaboratori progettarono e realizzarono la Programma 101, il primo personal compu- ter al mondo. Un calcolatore pensato per tutti, che prevedeva un rapporto diretto, personale, tra l’utente e la macchina, o, per dirla in termini più ideali, tra l’uomo e la tecnologia. Questo computer da scrivania prodotto a Ivrea fu usato dalla NASA Nel 1964 Pier Giorgio Perotto e i suoi collaboratori progettarono e realizzarono la Programma 101, il primo personal compu- ter al mondo. Un calcolatore pensato per tutti, che prevedeva un rapporto diretto, personale, tra l’utente e la macchina, o, per dirla in termini più ideali, tra l’uomo e la tecnologia. Questo computer da scrivania prodotto a Ivrea fu usato dalla NASA per la missione Apollo 11, dimostrando nei fatti che progettare a misura d’uomo è ciò che permette all’umanità di giungere a mete prima ritenute inarrivabili.P101 è quindi il racconto di un successo italiano, la storia di un gruppo di uomini che inseguirono il futuro e, in qualche modo, un’idea di libertà.Pier Giorgio Perotto (1930-2002) è l’inventore della Programma 101. Tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta fu a capo della Ricerca e Sviluppo Olivetti e proseguì poi la sua attività dirigendo grandi aziende come Elea e dando vita, da imprenditore, a importanti società di ricerca, innovazione e consulenza, tra cui Finsa.

30 review for P101. Quando l'Italia inventò il personal computer

  1. 4 out of 5

    Raul Pegan

    Bella storia sulla creazione di l’Olivetti e del suo prodotto più famoso: P101. Con lezioni di informatica e imprenditorialità, ho trovato questo libro molto interessante ed educativo.

  2. 4 out of 5

    Federico Razzoli

    Un bellissimo libello sulla storia della Programma 101 di Olivetti. Racconta molto bene come e perchè Olivetti la sottovalutò, preferendo le macchine meccaniche per le quali era famosa. E di come l'Ingegner Perotto e il suo gruppo dovettero lavorare letteralmente di nascosto per costruirla. E come infine un inaspettato interesse da parte dei clienti mise in difficoltà la produzione, ma poi il progetto fu di fatto lasciato morire. Interessanti anche i cenni ai problemi tecnici a cui il team ha do Un bellissimo libello sulla storia della Programma 101 di Olivetti. Racconta molto bene come e perchè Olivetti la sottovalutò, preferendo le macchine meccaniche per le quali era famosa. E di come l'Ingegner Perotto e il suo gruppo dovettero lavorare letteralmente di nascosto per costruirla. E come infine un inaspettato interesse da parte dei clienti mise in difficoltà la produzione, ma poi il progetto fu di fatto lasciato morire. Interessanti anche i cenni ai problemi tecnici a cui il team ha dovuto trovare soluzioni creative.

  3. 5 out of 5

    Giovanni

    I retroscena poco noti della nascita del primo personal computer, raccontati dall'ing. Pier Giorgio Perotto, a capo del piccolo gruppo che realizzò la Olivetti Programma 101, gioiello italiano a lungo sottovalutato anche dai vertici asiendali.

  4. 5 out of 5

    Giuseppe Tavera

    La storia dell'Olivetti offre tanti insegnamenti il più importante dei quali è quello che spesso gli sviluppi tumultuosi della tecnologia, sono caratterizzati da una netta discontinuità con il passato in cui "il tutto" è sostituito dal un salto che fa in modo che le carte da gioco debbano essere rimescolate. La consapevolezza del cambiamento in corso e il diventarne parte costituisce l'unica salvezza.

  5. 4 out of 5

    Simone Vannuccini

  6. 5 out of 5

    Fabio Tuninetti

  7. 5 out of 5

    massi

  8. 4 out of 5

    Vincenzo

  9. 5 out of 5

    Christian

  10. 4 out of 5

    Dante

  11. 4 out of 5

    Antonio

  12. 5 out of 5

    Riccardo

  13. 4 out of 5

    Enrico

  14. 5 out of 5

    Yulya

  15. 5 out of 5

    Gianluca Marcellino

  16. 5 out of 5

    Alessandro Nuzzo

  17. 4 out of 5

    Tommaso

  18. 5 out of 5

    Giovanni Puliti

  19. 5 out of 5

    la_danae

  20. 5 out of 5

    Carlo

  21. 4 out of 5

    destone28

  22. 5 out of 5

    Giorgio Zamparelli

  23. 4 out of 5

    Marco Comunità

  24. 4 out of 5

    Davide Lonigro

  25. 5 out of 5

    Francesco

  26. 4 out of 5

    Leonardo Luciani

  27. 4 out of 5

    Fran

  28. 4 out of 5

    Arianna

  29. 4 out of 5

    Carlo

  30. 4 out of 5

    Damiano

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.